15-16 novembre-Tour del Movimento 5 Stelle a San Vito dei Normanni

Si riceve dal Movimento 5 Stelle di San Vito dei Normanni e si pubblica 

io_voto_no-300x173 (1)Il Movimento 5 Stelle è attivo in tutta Italia per sostenere con forza le ragioni del NO alla riforma costituzionale voluta da un Governo sostenuto da una maggioranza parlamentare illegittima secondo una sentenza della Corte Costituzionale. Anche a San Vito dei Normanni, da diverse settimane, il Movimento è nelle piazze con gazebo informativi per spiegare le ragioni del NOa una riforma pericolosa che, se approvata, ridurrà drasticamente il potere elettivo del cittadino.

Il 15 e il 16 novembre analizzeremo nel dettaglio tutti i punti della riforma in due eventi pubblici; due giorni in cui spiegheremo i motivi per cui è fondamentale votare NO per ragioni di metodo e di merito.

iodicono_pedala_e_difendila-300x167Martedì 15 novembre alle 17:30 la nostra città ospiterà l’arrivo del Tour della Costituzione in bici “Pedala e Difendila”, organizzata dal Movimento 5 Stelle Puglia, che vede parlamentari, consiglieri regionali, portavoce comunali e semplici cittadini attraversare in bicicletta molte città pugliesi per spiegare le ragioni del no. All’arrivo i parlamentari Giuseppe D’Ambrosio e Diego De Lorenzis, la portavoce regionale Antonella Laricchia e il portavoce comunale Marco Ruggiero terranno un’agorà in Aula Consiliare.

Mercoledì 16 novembre alle 17:00, presso la sala conferenze della Biblioteca Comunale Giovanni XXIII, il prof. Vincenzo Tondi Della Mura, docente di Diritto Costituzionale presso l’Università del Salento, entrerà nel merito spiegando tutti i punti della riforma costituzionale e risponderà alle domande dei cittadini. Saranno altresì presenti come relatori il capogruppo del Movimento 5 Stelle al Consiglio Regionale Gianluca Bozzetti e il portavoce comunale Marco Ruggiero.

Due giorni all’insegna dell’informazione senza mediazione, in cui ogni cittadino potrà partecipare attivamente agli eventi organizzati dal Movimento 5 Stelle e arrivare più consapevole al voto del 4 dicembre.

Potresti leggere anche...