Calcio, promozione: finisce a reti bianche tra San Vito e Galatone – di Marco Salonna

di Marco Salonna

san vito galSi ferma a quota tre la striscia di successi consecutivi del San Vito che, dopo essersi imposto a Lizzano, in casa contro il Maglie e per 1-2 in quel di San Giorgio, mantiene comunque l’imbattibilità con mister Tasco in panchina impattando a reti bianche al ”Citiolo” contro il Galatone, formazione non trascendentale ma arcigna come dimostrano i ben 13 pareggi conquistati fin qui in stagione e i 19 gol subiti che ne fanno la miglior difesa del torneo dopo quelle della capolista Avetrana, del Galatina e del Fasano.

Nel complesso la gara non ha offerto particolari emozioni ed è stata giocata prevalentemente a centrocampo ma, se si eccettua la parte centrale della ripresa in cui i giallorossi ospiti si sono spinti in avanti andando vicini al gol con una conclusione dal limite di Migali bloccata con sicurezza da Marco Petrarolo, il San Vito oltre ad essere piaciuto per la ritrovata solidità difensiva già evidenziata nel successo contro il Maglie è stato senz’altro più propositivo e, pur non brillando dal punto di vista della costruzione della manovra, avrebbe nel complesso meritato i tre punti.

L’occasione più pericolosa è giunta proprio nel finale con un tiro dal limite di Montanaro, probabilmente il migliore tra i biancoverdi, respinta con difficoltà da Passaseo mentre in precedenza ci avevano provato Zippo con una conclusione dalla tre quarti sinistra che ha sorvolato di poco la traversa, capitan De Carlo che ha calciato malamente a lato da buona posizione e ancora Montanaro che per due volte ha centrato lo specchio della porta trovando l’estremo difensore leccese pronto a rispondere; nella fase iniziale il San Vito aveva inoltre reclamato un rigore per una conclusione di D’Erriquez respinta con un braccio da Levanto ma il direttore di gara De Vincentis ha giudicato involontario l’intervento e ha lasciato proseguire.

Il risultato è dunque rimasto fermo su uno 0-0 che soddisfa senz’altro il Galatone, che ha centrato l’obiettivo che si era prefissato alla vigilia portandosi a quota 28 punti in classifica e rimanendo al di sopra della zona calda, mentre lascia un po’ di amaro in bocca al San Vito e ai suoi tifosi, che a fine gara hanno comunque applaudito gli undici in campo a conferma di un ritrovato feeling; in ogni caso il punto conquistato consente alla compagine di mister Tasco di portarsi in solitudine al quartultimo posto con 22 punti, a due lunghezze dall’Ostuni e davanti al Racale, prossimo avversario al ”Citiolo” tra due domeniche in quella che sarà una sfida fondamentale in chiave salvezza, fermo a quota 21 oltre che a Leporano e Carovigno che ne hanno rispettivamente 16 e 14: proprio i rossoblù della Città della ‘Nzegna, che dopo aver battuto i biancoverdi per 0-1 della partita d’andata non hanno più vinto, saranno i prossimi avversari del San Vito in quello che si preannuncia un derby infuocato.

Potresti leggere anche...