Coreutica – Domani, 22 agosto, concerto del Canzoniere Grecanico Salentino in piazza Leo

coreutica-2017-ph-marco-de-lucaCoreutica, la residenza artistica sulle tarantelle nel Mediterraneo, svoltasi a San Vito dei Normanni dal 7 al 12 agosto, ha vinto, anzi stravinto la scommessa che si era posta, ovvero quella di proporre nuove declinazioni possibili della tradizione coreutico-musicale sanvitese, aprendosi ai linguaggi contemporanei e cercando contaminazioni non banali su altre sponde del Mediterraneo. Una scommessa. Eppure proprio questo coraggio innovativo è stato premiato: gli iscritti a questa terza edizione sono raddoppiati e hanno raggiunto quasi il centinaio; la partecipazione a questi esperimenti, talvolta dirompenti, è stata entusiastica; le sinergie tra ospiti e comunità ospitante si son rivelate ancora più ricche, intense e reciprocamente stimolanti. Doveva coronare quest’esperienza il concerto conclusivo del Canzoniere Grecanico Salentino con l’innesto di musicisti e danzatori della World Music Academy e della Scuola di Pizzica di San Vito previsto la sera del 12 agosto, ma il maltempo, malandrino, l’ha impedito.

Il mancato appuntamento era, però, troppo significativo per poter rinunciarci.

concerto-canzoniere-22-agostoCosì, grazie alla protervia degli organizzatori, al sostegno del Comune di San Vito e alla generosa disponibilità degli ospiti – tutti ben consapevoli dell’importanza di quest’incontro che ha un valore storico, il concerto del Canzoniere Grecanico Salentino si svolgerà il 22 agosto alle ore 21.30 nella Piazza Leonardo Leo di San Vito dei Normanni. Ospiti (ospitanti) Vincenzo Gagliani, Fabrizio Piepoli e Giuliana Gagliani della World Music Academy e Franco Gagliani, Fabrizio Nigro, Andrea De Siena della Scuola di Pizzica di San Vito.

E’ un concerto speciale che ha, si diceva, un valore storico, ma, al tempo stesso, un valore prospettivo, poiché denota una distinta volontà di proporre nuovi sbocchi e nuovi orizzonti alle danze e alle musiche tradizionali e popolari salentine.

Un valore storico: tanto il Canzoniere, quanto Taricata, il gruppo che a San Vito incarna la riscoperta e la ri-trasmissione consapevole del proprio patrimonio coreutico-musicale e dalla cui costola sono nate le nuove esperienze della WMA e della Scuola di Pizzica di San Vito, hanno appena compiuto quarant’anni d’attività. Si tratta delle esperienze più longeve nel panorama della musica popolare salentina, esperienze fortemente consapevoli, in cui elemento centrale e determinante è stata la raccolta rigorosa delle fonti e la ricerca assennata e meticolosa nel cuore e nella memoria del patrimonio immateriale del Salento. I loro repertori, così solidamente radicati nel vivo delle terre che hanno cantato, costituiscono ancora oggi il canone per quella miriade di gruppi e gruppetti che hanno animato e animano le piazze e le sale non solo in Puglia, ma ormai di tutt’Italia (e non solo). Val la pena rilevare, poi, che entrambe le esperienze, quella sanvitese e quella del Canzoniere, sono radicate in solide catene di trasmissione familiare (music runs in family, verrebbe da dire), senza tuttavia che ciò costituisca un freno conservativo, di semplice e pedissequa riproposta di un patrimonio acquisito, congelato e preservato in un immobile passato riportato al presente.

world-music-academy-e-scuola-di-pizzica-di-san-vito-ph-marco-de-lucaInfatti – e questo è il valore prospettivo del concerto del 22 agosto – il Canzoniere Grecanico Salentino, con la leadership di Mauro Durante – figlio d’arte – è indubbiamente il gruppo musicale oggi riconosciuto per coniugare con maggior efficacia e incisività il rispetto del canone tradizionale con la scrittura musicale d’innovazione. Similmente, da quanto ormai emerge con chiarezza dalle operazioni culturali a cui si assiste a San Vito nel corso di questi anni e soprattutto con quest’ultima prorompente edizione di Coreutica, la vocazione sperimentale e di ricerca della Word Music Academy, guidata da Vincenzo Gagliani – anch’egli figlio d’arte – e della Scuola di Pizzica di San Vito, è stata alacremente seguita e i frutti si colgono proprio ora, al quarantesimo dell’esperienza Taricata. Attraverso le generazioni si dipana quindi il filo teso tra tradizione e innovazione. Il concerto del 22 agosto è l’occasione per constatarlo, per capire come si può oggi pensare di andare anche oltre la pizzica, forti dei saperi antichi e di una consapevolezza radicata nel presente.

L’evento è patrocinato dal Comune di San Vito dei Normanni, con il sostegno di Exfadda, Spazio Folk e Blogfoolk.

Foto Marco De Luca

Andrea Carlino e Vincenzo Gagliani

Potresti leggere anche...