Discarica di Formica: l’Arpa rileva falde inquinatissime. Stop rifiuti nel sito vicino a San Vito

formicaL’Arpa Puglia ha dato il suo responso: le falde acquifere nei terreni attorno alla discarica di Formica Ambiente sono contaminate oltre misura. Per questo è stata avviata la procedura di sospensione dei rifiuti che, dal capoluogo brindisino e da tutta la provincia, finivano nella cava a ridosso di San Vito dei Normanni.  A verdetto ottenuto, chiaro il rischio: finire sommersi dalla spazzatura; possibilità a cui si è ovviato con la disposizione di trasportare l’immondizia da domani, sabato 13 febbraio, negli impianti di Cdr di Poggiardo e Cavallino per raggiungere poi la discarica di Statte (Taranto).

Stop per lo meno momentaneo, dunque, allo sfruttamento di Formica che del resto è stata utilizzata negli ultimi mesi a mo’ di “discarica soccorso”: il conferimento nel suo sito, infatti, stabilito dal presidente della Regione Puglia Emiliano (ed osteggiato da comitati e attivisti ambientali), a seguito dell’emergenza che ha mandato in tilt tutta la provincia fino a qualche mese fa, era stato deciso per tamponare la chiusura di Autigno (gestita dalla Nubile srl e sequestrata a sua volta per il rilevamento di eccessivo inquinamento nelle falde acquifere).

logo comitato ambienteMaurizio Tamborino, Comitato Salute Ambiente e Territorio, attivista impegnato in anni ed anni di lotte contro le due discariche, oggi continua a sottolineare il grave danno causato all’ambiente da azioni che violentano l’ambiente e la salute collettiva. Commenta: “La decisione del presidente Emiliano di sversare a Formica, sia pure per tamponare l’emergenza, ha fatto sì che si smaltissero quantità enormi di rifiuti senza alcun trattamento di biostabilizzazione. Si può immaginare quanto veleno si è aggiunto in una terra già inquinata a pochi chilometri dal centro abitato di San Vito”.

In prima fila Maurizio Tamborino e Francesca Mione del Comitato Salute Ambiente e Territorio, Consiglio comunale discariche - 6 novembre 2015

In prima fila Maurizio Tamborino e Francesca Mione del Comitato Salute Ambiente e Territorio, Consiglio comunale discariche – 6 novembre 2015

Lo scorso 6 novembre il Consiglio comunale di San Vito dei Normanni si era riunito approvando all’unanimità una delibera che, primariamente, mirava a risanamento e bonifica  della zona Autigno-Formica-Mascava. L’assise comunale aveva dimostrato in quell’occasione di essere ben conscia del pericolo per la salute collettiva rappresentato da siti che hanno accolto anche rifiuti tossici e pericolosi.

L’allarmante situazione non trae certo sollievo dal recente arresto del sindaco di Brindisi Mimmo Consales che, insieme a Screti (gestore della Nubile srl) e al commercialista Vergari, è accusato di corruzione e abuso d’ufficio in merito alla gestione dell’impianto brindisino di trattamento, biostabilizzazione e produzione di Cdr. Ad impianto chiuso, il governatore pugliese aveva disposto che la spazzatura di tutto il Brindisino, anche non sottoposta a biostabilizzazione, dovesse finire a Formica.

Si conferma faccenda oltremodo torbida quella dei rifiuti in terra di Brindisi. Tanto più per San Vito dei Normanni: lungi dall’essere aspetto secondario, va considerato che la contaminazione rilevata dall’Arpa riguarda proprio l‘acqua ed il terreno della città normanna. Con le immaginabili, pessime, conseguenze anzitutto sulla salute.

Potresti leggere anche...