Eletto il nuovo presidente della Repubblica. I pareri della classe politica sanvitese

Reazioni dal mondo politico sanvitese per l’elezione odierna del nuovo presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

enzo-francavillaI primi a commentare con marcato entusiasmo gli esponenti del locale Partito Democratico, per voce del segretario cittadino Enzo Francavilla. Che ricorda come Mattarella sia stato fondatore del Partito Popolare Italiano, con cui nel 2001 fu egli stesso eletto consigliere comunale. “Pertanto – dichiara a notizia appena giunta – la mia felicità e l’emozione sono alle stelle. Faccio i migliori auguri di buon lavoro al nuovo Presidente, sicuro e convinto che saprà far bene per noi Italiani. Aggiungo che Renzi è stato grande come anche tutto il PD”. Valerio Longo-2

Deciso apprezzamento anche da parte del consigliere comunale PD Valerio Longo. “Si è eletto un uomo di alta caratura etica, umana e professionale come Sergio Mattarella. Uno studioso del diritto e profondo conoscitore della Costituzione, degno dell’incarico e del compito che lo attende in un periodo di grandi cambiamenti istituzionali politici ed economici”.

alberto magli 2Reazione senz’altro meno infervorata per il sindaco Alberto Magli che ha da ridire proprio sulla “forzatura” di Renzi e del Partito Democratico. Trova infatti che una scelta non condivisa, né nel percorso né nel metodo, “avrà sicuramente delle ripercussioni importanti sul piano politico nazionale”. Tuttavia lo stesso primo cittadino sanvitese dice aver apprezzato “le prime poche parole del Presidente sulla speranza e sull’attenzione da riservare ai problemi dei cittadini”.

 Aggiunge: “Il Presidente Mattarella è un personaggio di grande spessore politico, conoscitore dei meccanismi dell’apparato dello stato, un giurista rigoroso ed attento ai valori e ai Principi della costituzione, poco incline su questo alle mediazioni”. Ma ritiene anche che “l’assenza di Mattarella dalla politica degli ultimi anni, la sua figura legata alla vecchia sinistra DC e il suo carattere schivo, lo rendano distante dalla scena politica dei nostri giorni, soprattutto internazionale ed europea, dove ormai si prendono le decisioni fondamentali”. Non mancano, inoltre, i richiami all’operato dell’ex presidente Napolitano, figura “certamente diversa  – commenta Magli – dato che in alcune occasioni, quest’ultimo ha “forzato” le prerogative assegnategli dalla Costituzione”.

Si trovano in sintonia con la linea espressa a livello nazionale gli attivisti locali del Movimento 5 Stelle. Pur rilevando delle criticità,  il gruppo sanvitese 5 Stelle si augura tuttavia che si possa svolgere il miglior lavoro possibile nell’interesse dei cittadini, prima urgenza.

Marco RuggieroMarco Ruggiero: “Tradizione vuole che i giudici di Corte Costituzionale si tirino fuori dai giochi del Quirinale ma speriamo che questa scelta, che comunque cambia gli scenari in Parlamento, sia di garanzia e tutela per la Costituzione, ultima e VERA garante degli interessi dei cittadini”.

Si riserva di valutare fatti ed azioni anche Oronzo Andriola, M5S: “Spero sia un presidente che onori il ruolo che ricopre e l’estremo garante della Carta costituzionale. Auspico agisca in maniera limpida e cristallina per il bene del popolo italiano, non della casta”.

Mimmo ZurloChiaramente non soddisfatto si dice, infine, il consigliere comunale di maggioranza Mimmo Zurlo (“La Puglia prima di tutto”): “Non mi sembra giusto che chi sta al governo scelga il presidente della Repubblica. Sono sicuro che, se l’avesse scelto il popolo, non sarebbe stato sicuramente quello indicato da Renzi e dai diversi accordi fatti con i partiti che lo hanno votato. Penso sia arrivato il momento per i cittadini di scegliersi il proprio presidente, se si vuole veramente una figura super partes“.

Per contro, dallo stesso PD, plurimi apprezzamenti convergono sull’operato dell’attuale presidente del Consiglio Matteo Renzi. Valerio Longo ci tiene a ribadire: “Non posso esimermi da tesserato e da elettore dall’esprimere un plauso a Matteo Renzi ed a tutto il PD nazionale per il modo con cui è stata gestita questa delicata vicenda. E’ stata mostrata grande responsabilità e senso dello Stato, smentendo con i fatti i soliti detrattori, fautori di inesistenti patti occulti e tutti i militanti dell’ “anti” e del contro a prescindere”.

Potresti leggere anche...