Emergenza Xylella: a breve il commissario Silletti sarà a San Vito su proposta del sindaco Magli

Alberi con Xylella

Alberi colpiti dalla Xylella, soggetti ad essiccamento rapido

Sarà presto a San Vito dei Normanni Giuseppe Silletti, commissario straordinario per l’emergenza Xylella, famigerato batterio che sta portando dritto verso l’eradicazione di migliaia di ulivi nel Salento ed Alto Salento. Un focolaio dell’infezione è stato rilevato infatti anche nel territorio della provincia brindisina, nelle campagne tra Oria e Carosino, dove su richiesta dell’avvocato Giovanni Pesce, proprietario del terreno, si è ottenuta dal Tar la sospensione dell’abbattimento fino all’udienza del 9 aprile prossimo.

Alberto Magli, sindaco di San Vito

Alberto Magli, sindaco di San Vito dei Normanni

Ad annunciare la riunione collegiale sull’importante questione è il primo cittadino sanvitese Alberto Magli che ha inviato a presidente della Provincia e sindaci del Brindisino una lettera in cui chiede di incontrarsi per decidere come affrontare il pericoloso contagio che potrebbe portare ad un vero collasso dell’economia pugliese. Secondo Magli infatti “i Comuni del Brindisino non sono stati in alcun modo coinvolti in questa grave vicenda, che pure progressivamente e prepotentemente sta interessando il nord Salento, con la concreta possibilità che gli interventi originariamente previsti per la sola Provincia di Lecce, che ad oggi risultano debolmente avviati, siano estesi anche ai nostri comuni”.

Lo scorso 22 marzo nell’aula consiliare del Palazzo di Città un convegno su “La Xylella fastidiosa nel Salento” ha permesso di conoscere più a fondo la causa del grosso problema che sta allarmando a ragione ulivicoltori e produttori. Prova ne sia la scelta francese di qualche giorno fa di bloccare l’esportazione di ben 102 specie vegetali dalla Puglia, penalizzando in tal modo coltivazioni e  province del tutto estranee alla presenza del batterio.

Manifestazione 'Difendiamo gli ulivi' - Piazza Sant'Oronzo, Lecce

Manifestazione ‘Difendiamo gli ulivi’ – Piazza Sant’Oronzo, Lecce

E’ insomma oggetto dell’attenzione nazionale il braccio di ferro tra agronomi ad esperti del settore che propugnano la non eradicazione degli ulivi da curare e soprattutto da difendere in futuro con accortezza per evitare l’indebolimento degli alberi e quindi la loro facilità ad ammalarsi, e lo stesso commissario Silletti che invece ha dato il via libera all’eradicazione di migliaia di piante per estirpare del tutto l’infezione. Di rilievo nazionale è stata anche la significativa manifestazione tenutasi in Piazza Sant’Oronzo a Lecce lo scorso 29 marzo, in cui si è accostata senza mezzi termini la parola “mafia” al problema Xylella, lasciando intendere volontà politiche affaristiche  alla base del problema. In sostanza quello che associazioni, medici, agronomi ed ulivicoltori chiedono è una ricerca “libera”, con un’equipe di ricercatori che attuino uno studio ed un approfondimento multidisciplinare per dare risposte utili a debellare la piaga.

Ministro alle Politiche agricole Maurizio Martina

Il Ministro alle Politiche agricole Maurizio Martina

Oggi, per di più, il ministro alle Politiche agricole Maurizio Martina ha raggiunto la Puglia proprio per prendere visione in prima persona dello stato di cose. “La presenza del Ministro Martina questa settimana in Puglia ed anche a Lecce, oltre che a Bari, è un segnale importante e di massima attenzione da parte del Governo che va nella direzione da molti di noi auspicata, ossia quella di un confronto costante, assiduo e più produttivo tra tutti i soggetti che, a diverso titolo, sono coinvolti dall’emergenza Xylella”, dichiara l’on. Elisa Mariano della Commissione Sanità e Affari Sociali che dice “fondamentale a questo punto rafforzare l’alleanza istituzionale tra Governo ed enti locali ed avviare un coinvolgimento ampio delle comunità e degli stakeholders”.

Un momento del convegno "la Xylella Fastidiosa nel salento" tenutosi a San Vito - 22 marzo 2015

Un momento del convegno “la Xylella Fastidiosa nel salento” tenutosi a San Vito – 22 marzo 2015

Secondo il sindaco Magli la serissima questione è stata trascurata ed affrontata con ritardo a livello provinciale e regionale. Per questo ha deciso di organizzare la riunione in quel di San Vito, ricevendo la disponibilità del commissario Silletti per la settimana successiva alle festività pasquali. Si attende quindi di conoscere a breve giorno e luogo dell’incontro.

Potresti leggere anche...