Fondazione Dieta Mediterranea: stamani la conferenza stampa su attività in programma e ruolo di sviluppo per il territorio

copertina okOstuni  faro del Salento nella promozione e valorizzazione della Dieta Mediterranea: lo ha detto il prof. Gaetano Crepaldi, Presidente della Fondazione Dieta Mediterranea,  durante la  conferenza stampa  tenutasi stamani nell’aula consiliare del Comune di Ostuni. L’incontro con i giornalisti è stato utile a rendicontare sulle diverse attività svolte dalla stessa Fondazione e ad annunciare l’intensa programmazione di importanti eventi per i prossimi mesi, grazie anche alla presenza stabile di una sede all’interno del centrale Palazzo Tanzarella.

Fondazione Dieta Mediterranea preziosa per il territorio di Ostuni secondo il sindaco Gianfranco Coppola che ha espresso parole di apprezzamento per la serie di attività culturali e formative, in sintonia e  in collaborazione con l’amministrazione comunale.

Lo stesso Crepaldi, professore Emerito di Medicina Interna all’Università degli Studi di Padova, ha aperto il suo discorso sottolineando come la Fondazione sia nata proprio negli stessi giorni in cui l’Unesco ha proclamato la Dieta Mediterranea patrimonio immateriale dell’umanità. “Il Salento ci pare essere il luogo ideale, stando a ragioni culturali ed economiche, per la diffusione della dieta mediterranea che è innanzitutto uno stile di vita  – ha continuato – Il fatto di avere una sede in Ostuni favorisce la programmazione di una serie di ulteriori attività per i prossimi mesi con la partecipazione di gruppi di ricerca internazionali. Il prossimo ottobre ci sarà, per esempio, un primo momento di confronto con l’organizzazione mondiale della Sanità. Poi, nella prossima primavera, un convegno che raccoglierà i maggiori studiosi sul tema della nostra dieta”.

13514523_10209792227707466_1193605917_nIl privilegio di una presenza nel centro di Ostuni  e di una segreteria seguita da Angelo Faggiano e Domenico Rogoli sempre attiva: lo ha voluto evidenziare la Direttrice Generale della Fondazione Dieta Mediterranea Stefania Maggi. “Questo costante contatto con il territorio ci ha permesso di promuovere tante iniziative – ha spiegato – Tra queste c’è la possibilità, attraverso l’Università di Padova, di inserire dei percorsi di formazione in lingua inglese tenuti dalla Fondazione su “Italian Food & Wine” all’interno di corsi di laurea magistrale. La nostra idea è di portare questi studenti ad Ostuni per una settimana. Anche questa potrà essere un’opportunità notevole per il territorio”.

Importanti equipe di studio e progetti culturali ad Ostuni, quindi. In un interessante dialogo con i produttori locali, aspetto da non sottovalutare secondo  il segretario Generale della Fondazione Dieta Mediterranea Angelo Faggiano che si è  soffermato in seguito sull’aspetto didattico ed il rapporto con le scuole, parte integrante del percorso educativo, culturale, editoriale.

Rogoli, segretario alla Presidenza Fondazione Dieta Mediterranea, a ribadire il ruolo d’interazione con le realtà territoriali  attraverso il cosiddetto “Marchio comunale”(DE.CO, Denominazione Comunale), strumento di marketing che promuove e certifica la provenienza di uno specifico prodotto.

13521676_10209792226627439_534615589_nAd illustrare contenuto ed essenza del Disegno di Legge “Disposizioni per la valorizzazione e la promozione della dieta mediterranea” il senatore Tomaselli, presente in conferenza. Lo stesso parlamentare ha voluto sottolineare  l’intento di dare dignità di legge alla definizione di “Dieta Mediterranea”.

Tra gli obiettivi del D.D.L.: valorizzazione del “Made in Italy”, diffusione di prodotti e specialità della dieta mediterranea nei sistemi di ristorazione collettiva, ufficialità al marchio “Dieta Mediterranea  patrimonio dell’umanità”. Il tutto partendo dalla promozione di sani stili di vita basati su un modello di corretta alimentazione risultata utile anche a prevenire alcune malattie.

“Siamo in un territorio – ha concluso il senatore – che può vantare una fortissima integrazione degli aspetti rientranti nel concetto di dieta mediterranea.  Tocca a noi fare in modo che si divenga consapevoli della  fortuna e della possibilità di sviluppo che essa rappresenta”.

Potresti leggere anche...