“GEA Materiali per vivere” organizza oggi un incontro con il prof. Dipak Raj Pant

rinascimento“Cittadinanza attiva degli imprenditori per contrastare il declino e per stimolare un nuovo Rinascimento italiano”, è questo il titolo del convegno del prof. Dipak Raj Pant promosso da “GEA Materiali per vivere” oggi, venerdì 10 marzo, alle 17.30 al Castello Imperiali di Francavilla Fontana.
Introdurrà Eusebio Gualino, Amministratore Delegato di Gessi SPA. Il Prof. Pant torna in Puglia dopo lo straordinario e partecipatissimo incontro del 2010 a Brindisi. Fondatore e Direttore dell’Unità di Studi Interdisciplinari per l’Economia Sostenibile presso l’Università Cattaneo – LIUC, Dipak Raj Pant è docente di Antropologia e Sistemi Economici Comparati. È stato Visiting Professor presso varie università all’estero (Cina, India, USA, Regno Unito, Perù, Brasile, West Indies, Svezia e Spagna) e Senior Fellow presso la Environmental Health and Social Policy Center di Seattle (USA) e Visiting Curator di Environmental Anthropology presso il Field Museum di Chicago (USA). E’ stato capo missione di numerose spedizioni scientifiche nelle aree impervie e marginali del mondo. È autore di alcuni libri e di numerosi articoli sui temi di economia sostenibile, ecologia umana, etnografia, antropologia applicata, pianificazione strategica con gli scenari (scenario planning). Svolge attività di consulenza e formazione su temi di sostenibilità, pianificazione strategica del territorio e dell’ambiente, business internazionale e cooperazione internazionale allo sviluppo sostenibile.
profNella mattinata Dipak Pant incontrerà i ragazzi del 1° Istituto Comprensivo “Aldo Moro – Publio Virgilio Marone” di Francavilla Fontana che hanno elaborato il progetto “Il quartiere sostenibile”, anche ispirandosi alle sue idee.
I fratelli Gemma, Adolfo ed Emiliano, ancora una volta si fanno promotori di una iniziativa culturale con l’obiettivo di rilanciare l’ottimismo per il futuro e ascoltare il pensiero illuminato di Dipak Pant, condividendolo con quanti vorranno partecipare. La partecipazione è libera e gratuita.
Idearadio

Potresti leggere anche...