La maggioranza risponde alle critiche del centrodestra sull’ultima assise comunale: “Quel che è accaduto altro non è che Democrazia”

A seguito del comunicato di critica sull’ultimo Consiglio comunale inviato da Fratelli d’Italia, San Vito in movimento e lista Silvana Errico, il centrosinistra sanvitese risponde con il testo che si riporta integralmente di seguito. 

cons-2Le liste del Partito Democratico, Noi a sinistra, Lista Con te e San Vito Cambia Verso, che appoggiano e sostengono la maggioranza del sindaco Domenico Conte, stigmatizzano il comunicato della lista Errico, Fratelli d’Italia e San Vito in movimento, diffuso dopo il consiglio comunale del 28 novembre scorso.

Queste forze politiche affermano che un consiglio comunale siffatto “non si era mai visto dal dopoguerra ad oggi” … Tranquilli! Nessun dopoguerra … sebbene riteniamo che con quel periodo storico questa Amministrazione Comunale abbia in comune la voglia di ripartire e di ricominciare la ricostruzione della città.

Quello che è accaduto lo scorso sabato, niente di più è se non …. Democrazia. Che senso avrebbe un Consiglio Comunale se fosse privato della possibilità di approfondire, sotto ogni aspetto, con il contributo di tutti, ogni argomento prima di giungere alla decisione ed alla successiva approvazione? Nessuno si scandalizzi, anzi… non a caso la normativa parla di “discussione”. Se così non fosse, si snaturerebbe la funzione del Consiglio… e non staremmo qui a parlare di quella “democrazia” (inveratasi proprio nel dopoguerra) ma di tutt’altro che ci auguriamo non debba più riaccadere. E, del resto, niente di nuovo rispetto a quanto più volte avvenuto nella scorsa legislatura e nelle precedenti.

Ma veniamo al merito dei due punti della discordia.

MUncipioNel primo si discuteva di alcune modifiche da apportare al Regolamento di igiene urbana. Piccoli ma sostanziali cambiamenti (raccolta organico nelle contrade, vetro porta a porta, ecc) che, non incidendo sul conto economico-finanziario dell’appalto Serveco, libereranno risorse/ore lavorative per altre e necessarie azioni (ad es. maggiori interventi per arginare il triste fenomeno del moltiplicarsi delle discariche abusive nelle nostre campagne, ecc. ecc.).

Ebbene, le capziose e pretestuose contestazioni della lista Errico venivano ampiamente rigettate e superate dal brillante intervento dell’Assessore Sabatelli, cui ribadiamo tutta la nostra fiducia e vicinanza per le ignobili offese ricevute; ciò nonostante, si decideva, senza scandalo alcuno (pressing dell’opposizione?) e anzi ispirandosi ad un sano principio democratico, di ritirare l’o.d.g. per approfondire le varie questioni in un consiglio successivo.

E’, difatti, buona prassi ricercare sui “Regolamenti”, specie su questioni delicate e di interesse generale, come la gestione dei rifiuti, la massima condivisione possibile.

Questo si rendeva ancor più necessario considerato che alcuni consiglieri della minoranza avevano, nel corso dell’assemblea e nei lavori delle commissioni, manifestato la volontà di esprimere un voto favorevole. Quindi? Di cosa stiamo parlando? Soprattutto a nome di quale opposizione parla la Errico?

Stesso leitmotiv allorquando si è trattato di discutere del “Regolamento asilo nido comunale”, annosa questione che si trascina da anni, in cui si dibatte, con “inspiegabile” ossessione di qualcuno, più sull’approccio educativo Montessori che sull’offerta di tale servizio da rendere alle famiglie sanvitesi.

La maggioranza consiliare, seguita poi anche da altri gruppi consiliari, ha evidenziato alcune criticità con particolare riferimento all’inopportunità di inserire nel documento aspetti che rischiavano di trasformare un regolamento di servizio in un bando di gara, proponendo, in conseguenza di ciò, di emendare un articolo. A questo punto veniva richiesto dalla stessa Errico un parere tecnico sugli emendamenti proposti al segretario generale, il quale evidenziava che, sulla base di una comunicazione ufficiale della Regione Puglia richiesta dalla precedente Giunta (a proposito … anche in passato si chiedevano giustamente chiarimenti agli uffici regionali di Bari senza che questo creasse turbamento e scandalo!!!) non vi era alcun vincolo di metodo educativo.

Il regolamento è stato poi puntualmente approvato, previa votazione sull’emendamento accolto all’unanimità dei presenti, ivi compresi i gruppi cinquestelle e Oltre con Fitto. Insomma, anche in questo caso ci sembra che la Errico non riesca a coinvolgere gli altri gruppi di minoranza, i quali si guardano bene dal farsi trascinare nelle sue stucchevoli, insignificanti e improduttive baruffe.

Pertanto, pur comprendendo che sono ancora aperte le ferite della campagna elettorale di qualche mese addietro, invitiamo tutti alla serenità ed alla responsabilità.     Aggiungiamo che abbiamo la piena consapevolezza che nostro compito è governare la città e che non abbiamo né voglia né tempo di lasciarci trascinare in un clima di bagarre continua e di veleni in consiglio comunale e fuori….

A tempo debito il giudizio lo daranno i cittadini elettori sanvitesi … nessun altro!!!

 Partito Democratico

 Noi a sinistra

 Lista Con te

 San Vito Cambia Verso

Potresti leggere anche...