L’età federiciana in terra di Brindisi: se ne parla all’Unitre di San Vito per il ciclo “Incontri culturali aperti”

unitreQuel che ha  rappresentato l’età federiciana in terra di Brindisi: vuole approfondire aspetti delle “nostre radici normanne” l’incontro organizzato per la prossima domenica,  10 gennaio, dall’Università delle Tre Età di San Vito dei Normanni.

castello svevo brindisi

Una veduta del castello svevo di Brindisi

In particolare, la presenza del sovrano “stupor mundi” nel territorio brindisino sarà argomento affrontato attraverso la presentazione del libro “Federico II le nozze tra Oriente e Occidente. L’età federiciana in terra di Brindisi”, a cura di Giuseppe Marella e Giacomo Carito. Il volume, edito da Pubblidea, racchiude gli atti dell’importante convegno di studi organizzato dalla sezione di Brindisi della Società di Storia Patria per la Puglia svoltosi nel novembre del 2013.

La personalità poliedrica del sovrano conosciuto anche come “fanciullo di Puglia” (puer Apuliae), la sua conoscenza di ben sei lingue, il grande fervore culturale e legislativo del suo regno  hanno da sempre polarizzato l’attenzione degli storici con il proliferare di miti e  leggende sulla sua vita. E Brindisi è stata certamente permeata dalla presenza federiciana, di cui molto rimane nelle radici storico culturali pugliesi, a partire dal castello svevo di Brindisi e di Oria.

I Guanti di Federico II di Svevia

I Guanti di Federico II di Svevia

L’iniziativa s’inserisce nel contenitore di “Incontri culturali aperti “dell’Unitre di San Vito, vivace veicolo di informazione e formazione attraverso i plurimi canali di arte, letteratura, storia, musica, filosofia e molto altro.

A condurre la presentazione il prof. Giuseppe Marella, docente di Lettere e Storia dell’arte dell’Università del Salento. L’appuntamento è per le ore 17.00 di domenica 10 gennaio nella stessa sede Unitre di San Vito dei Normanni, via Cavour 6.

Potresti leggere anche...