Movimento 5 Stelle su Emergenza Discariche: “Ad una settimana dal corteo nessuno ne parla più”

marco r

Marco Ruggiero, consigliere comunale Movimento 5 Stelle San Vito dei Normanni

“Mi auguro che la manifestazione contro le discariche dello scorso sabato a San Vito non sia stata utilizzata come passerella politica visto che, appena una settimana dopo, nessuno ne parla più. Occorre invece informare continuamente la cittadinanza perché quanto sta avvenendo è disumano. A due passi da noi, un eco mostro avvelena da anni aria, acqua e terra”: è così che Marco Ruggiero, portavoce in Consiglio comunale del Movimento 5 Stelle, torna a ribadire con forza il problema delle due velenose discariche appartenenti a Brindisi ma di fatto a pochi chilometri da San Vito dei Normanni. Problema su cui è ripiombato il silenzio. “Eppure coloro che sono intervenuti nella manifestazione, e che si candidano oggi a rappresentare gli interessi dei cittadini, in questi giorni hanno avuto spazio e occasione per riparlarne. Ma forse bastava solo la comparsa pubblica e qualche bella parola”, insiste Ruggiero con riferimento alle promesse d’impegno fatte da diversi rappresentanti istituzionali e politici al termine del corteo che ha percorso le vie della città normanna lo scorso 7 maggio.

Corteo "No alle discariche", 7 maggio 2016 - San Vito dei Normanni

Corteo “No alle discariche”, 7 maggio 2016 – San Vito dei Normanni

Silenzio inaccettabile, dunque,  dopo l’iniziativa organizzata dal Comitato “Salute Ambiente & Territorio” e del Comitato civico “La voce del cittadino”. Tanto più – come ha ribadito Maurizio Tamborino, co-organizzatore e presidente “SA&T”, alla luce di una possibile riapertura anche del sito di Autigno: si preannunciano infatti nuove analisi sulle sua falda rivelatasi inquinatissima soli pochi mesi fa. Per quel che riguarda Formica, invece, obiettivo del comitato ambientalista è spingere la Regione a chiedere il ricorso al Consiglio di Stato per bloccarne la temuta riapertura.

bozzetti

Gianluca Bozzetti, portavoce M5S in Regione

E a ribadire proprio il mancato ruolo dell’ente regionale nella questione “rifiuti”, è il consigliere regionale M5S Gianluca Bozzetti che accusa la Regione di essere del tutto assente sul grave problema nella provincia di Brindisi; “fatto che non sorprende se si considera che il  piano regionale dei rifiuti è scaduto il 31 dicembre scorso”, aggiunge.  “Sono stato uno dei primi a pressare il presidente Emiliano sul problema delle discariche di Formica e Autigno – racconta –  ma di fatto dal commissariamento dell’Oga non è successo nulla. Invito i cittadini sanvitesi e del Brindisino a presenziare in Regione per far sentire la loro voce ad Emiliano che deve comprendere di non essere il presidente di Bari ma di tutta la regione, compresa la nostra provincia”.

Stefano Alparone, candidato sindaco M5S Brindisi

Stefano Alparone, candidato sindaco M5S Brindisi, e Maurizio Tamborino durante la manifestazione a San Vito

Anche per Stefano Alparone, candidato sindaco per il M5S di Brindisi, le discariche rappresentano una bomba ecologica conclamata. “Siamo persuasi del fatto che le discariche sono la fine di un percorso legato al malaffare, perché il rifiuto fino ad oggi è stato gestito come qualcosa di qualcuno – afferma –  Seguendo la normativa europea, la nostra proposta di Legge vuole ripristinare i principi di necessaria legalità ed applicare il concetto di “rifiuto-risorsa” attraverso un cammino basato primariamente sull’informazione al cittadino.”

“Mi auguro che il Comune si costituisca presto parte civile nel processo, come era stato annunciato in una Conferenza dei Capigruppo  – aggiunge Ruggiero ritornando al consiglio comunale sanvitese – La nostra istanza è giunta persino a Roma ai portavoce del Movimento di Camera e Senato. Occorre però una mobilitazione generale dall’interno delle istituzioni, così come il M5S con tutte le difficoltà sta cercando di fare. L’unico interesse da perseguire è la salute del cittadino! Altro non è più tollerabile”.

Veduta su Formica, "discarica dei veleni"

Veduta su Formica, “discarica dei veleni”

Potresti leggere anche...