Rifiuti a Formica: l’OGA chiede proroga alla Nubile s.r.l. Oggi incontro per valutare la riapertura in tempi brevi di Autigno

discarica Formica - Foto Mario CarlucciDecisioni rilevanti quelle che saranno prese oggi, 24 marzo, sulla vicenda dello smaltimento dei rifiuti della provincia di Brindisi nella discarica di Formica, a circa 5 chilometri da San Vito dei Normanni.

E’ in corso da questa mattina alle 11.00, infatti, una riunione a Bari per decretare il proseguo della complessa questione, nata dalla chiusura da parte dell’Arpa della discarica di Autigno per il rilevamento di falde inquinatissime.

All’incontro ha preso parte una delegazione di tre sindaci della provincia brindisina, rappresentanti OGA (Organo di Gestione d’Ambito) e Luca Screti, amministratore della Nubile s.r.l. che gestisce tutti gli impianti legati al ciclo dei rifiuti di Brindisi.

In effetti alla mezzanotte di oggi scadrà l’accordo fatto una settimana fa da Formica Ambiente con la stessa società e già ieri, sempre in sede OGA, si è chiesto alla Nubile di prorogare per dieci giorni l’accordo.

Accordo che dipende da alcuni significative variabili, a partire dalla richiesta degli addetti ai lavori di una fideiussione di quasi 500 mila euro da riscuotere nel caso ci sia ritardo nel pagamento del compenso accordato. Istanza che difficilmente il Comune di Brindisi potrà recepire visto che non ci sarebbe al momento alcun contratto con la stessa Formica.

Nell’incontro odierno, si parlerà quindi dell’eventuale riapertura di Autigno. Cosa accadrà se la Nubile s.r.l. non dovesse accettare la proroga? La riunione in corso servirà anche ad esplorare l’eventuale possibilità da parte dei Comuni della provincia di Brindisi di impegnarsi direttamente con Formica Ambiente. L’obiettivo è insomma  non ricadere nell’emergenza rifiuti di qualche giorno fa.

Potresti leggere anche...