San Vito – Manduria: disco rosso per i biancoverdi nel recupero del match – di Marco Salonna

san vito

di Marco Salonna

Disco rosso per il San Vito che, nel recupero dell’incontro della seconda giornata rinviato per impraticabilità del campo, cade al ”Citiolo” per 0-2 nel derby biancoverde contro il Manduria al termine di una prestazione non certo brillante, ma in cui sono state determinanti in negativo le decisioni arbitrali.

Le due formazioni, con mister Sabatelli che ha fatto scendere in campo per otto undicesimi la stessa formazione che aveva battuto il Leporano rimpiazzando Camposeo, Stabile e Crupi con Cavallo, Raffaele D’Agnano e Lanzillotti, si sono rese protagoniste di un primo tempo giocato soprattutto a centrocampo; gli ospiti, reduci dai due successi interni con lo stesso Leporano e con il Lizzano, hanno esercitato una leggera supremazia territoriale ma si sono resi pericolosi solo con un tiro dalla distanza di Arcadio bloccata a terra da Mino D’Agnano mentre il San Vito è andato vicino al gol con Lanzillotti, che da buona posizione ha calciato malamente a lato sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Anche in avvio di ripresa si è avuta un’occasione per parte con Mino D’Agnano bravo a respingere una conclusione in corsa di Riezzo mentre per il San Vito ci ha provato D’Agnano con un colpo di testa terminato di poco a lato finché, al 62°, non vi è stato l’episodio che ha deciso il match con l’arbitro che, in seguito a un contatto in area apparso del tutto veniale tra Costantini e Riezzo, ha decretato un calcio di rigore trasformato da Gennari e come se non bastasse ha anche espulso Schena per proteste: una volta rimasti in inferiorità numerica i biancoverdi non hanno avuto la forza di reagire e sono stati anzi gli ospiti a pervenire al raddoppio con Arcadio autore di un bel pallonetto dal limite dell’area che ha superato D’Agnano in uscita.

Con questo successo, il secondo consecutivo al ”Citiolo” dopo lo 0-1 della passata stagione, il Manduria, accreditato da molti addetti ai lavori come possibile sorpresa del campionato ma non certo tra le favorite della vigilia, vola in testa alla classifica a quota 9 punti in coabitazione con la corazzata Fasano mentre il San Vito rimane fermo a quota 3 in vista dell’insidiosa trasferta di Uggiano La Chiesa e del match interno di ritorno di Coppa Italia contro il Carovigno.

Potresti leggere anche...