Sere d’Estate – Il recital del mezzosoprano Christina Minò

copertina-sere-destateCultura e sicura emozione nello spettacolo in programma stasera,  martedì 30 luglio, per la rassegna Sere d’Estate 2019 a San Vito dei Normanni: ad appassionare il pubblico sarà infatti  il recital del mezzosoprano Christina Minò.

Talento e profonda dedizione alla musica per l’artista, già  insegnante di canto lirico e moderno, pianoforte e propedeutica musicale.

La sua biografia

christina-minoNata a Vignola (MO) nel 1987, inizia ad avvicinarsi alla musica sin da bambina, cantando nel coro delle voci bianche del teatro “Vecchi-Tonelli” di Modena diretto dal maestro Massimo Carpegna, debuttando così al teatro comunale di Modena nelle opere “Il fantasma di Canterville” di C. Scannavini e ne “Il piccolo spazzacammino” di B. Britten.

Per alcuni anni, sempre presso l’istituto Modenese, intraprende lo studio del violino sotto la guida dei maestri Alberto Bologni e Ivan Rabaglia , poi della viola con i maestri Luciano Cavalli e Pietro Scalvini. Contemporaneamente, inizia lo studio del canto lirico dapprima sotto la guida di Tiziana Tramonti, poi con Liliana Muscio, fino a diplomarsi nel 2010 al conservatorio “G. Puccini” di La Spezia.

Nel 2009 debutta a Modena nell’opera barocca in lingua spagnola “La pùrpura della rosa” di Torrejòn y Velasco, su libretto di Calderòn de la barca, ricoprendo la parte di Celfa.

Frequenta diversi corsi di perfezionamento tra i quali quelli tenuti da Gloria Banditelli e Mirella Freni presso il CUBEC.

Tiene regolarmente concerti con l’ “Ensemble Mandolinistico Estense” di Modena, diretto dal maestro Roberto Palumbo e affianca diverse corali tra le quali “Puccini” di sassuolo, diretta dal maestro Francesco Saguanti.

Attualmente insegna canto lirico e moderno, pianoforte e propedeutica musicale presso lo “Studio Musicale Alessandro Po” di Modena.

Quella di oggi si prospetta una interessante serata all’insegna di musica, canto e delle sensazioni che queste due forme d’arte sanno sprigionare. Appuntamento nel Chiostro dei Domenicani di via Mazzini n.1 a partire dalle ore 21.00. Libero l’ingresso.

Potresti leggere anche...