Un’altra vita spezzata sull’asfalto. Dagli amici, il ricordo di Giuseppe

Continuano a giungere da ogni dove parole di grande affetto per Giuseppe Petraroli, il 35enne sanvitese che ha perso la vita travolto da un’auto contromano nella notte dello scorso 20 marzo sul Grande raccordo anulare di Roma, dove viveva e lavorava da anni.

giuseppeCordoglio da parte della comunità di San Vito dei Normanni, che piange un’altra giovane vita spezzata sull’asfalto e che in tutti i modi ha voluto esprimere vicinanza alla famiglia del giovane. Dalla notizia della sua morte, Giuseppe ha raccolto attorno a sé ricordi colmi di dolcezza. In tanti gli ex compagni di scuola e gli amici di infanzia che hanno voluto rintracciare la sua fisionomia di bambino in una foto, magari ad un compleanno trascorso insieme. Si sente forte il dolore di chi ha perso un amico cui era legato da momenti di crescita condivisi. Con gli anni, era diventato uno sportivo Giuseppe, amante della palestra, del calcio e tifoso sfegatato della Lazio.

incidente-mortale-raccordo-20-marzo-2018-11L’incidente mortale è avvenuto poco dopo la mezzanotte: la Ford Fiesta condotta dal 35enne non ha potuto evitare la C-Max che si trovava in senso contrario sull’A90. Uno scontro brutale con le due vetture sbalzate in aria. Ad avere la peggio proprio Giuseppe, deceduto prima di poter essere trasportato in ospedale. Sorte diversa per il carabiniere di 59 anni, accompagnato d’urgenza al nosocomio di Grottarossa in gravi condizioni ed accusato di omicidio stradale aggravato, risultato positivo all’alcol test. Quando starà meglio verrà ascoltato dal giudice. (Fonte Romatoday).

Il corpo del giovane sanvitese è ancora a disposizione della Magistratura che ha disposto l’autopsia.

E, a soli due giorni dalla sua scomparsa, il pensiero indugia sul mistero della vita che sfugge in una notte qualsiasi, inaspettatamente e nel modo più ingiusto. Giuseppe sapeva esprimere bene il suo amore per la vita attraverso la vivacità, la gioia di scoprire e di viaggiare. A gennaio era stato a New York. Un suo post su Facebook di soli sei giorni fa annunciava il prossimo viaggio alla volta dell’Austria che non vedeva l’ora di conoscere prima che un oscuro, torbido destino lo portasse via per sempre dai suoi progetti terreni. Ma nulla ha tolto all’intensità dei suoi legami,  all’affetto autentico che ha saputo costruirsi attorno e che continua a tenerlo vivo.

Potresti leggere anche...