Xylella: Federalberghi Brindisi invita il presidente francese Hollande a trascorrere una settimana tra gli uliveti pugliesi

Pierangelo Argentieri, presidente Federalberghi Brindisi e vice presidente Federalberghi Puglia

Pierangelo Argentieri, presidente Federalberghi Brindisi e vice presidente Federalberghi Puglia

A proposito della famigerata emergenza Xylella per cui la Francia ha di recente bloccato l’importazione di 102 specie vegetali pugliesi, Federalberghi Brindisi lancia al presidente francese Hollande  e al suo Ministro all’Agricoltura il provocatorio invito a raggiungere la Puglia per rendersi conto personalmente della situazione e del danno provocato dal loro provvedimento. Di più: l’associazione alberghiera invita i due rappresentanti politici a trascorrere qualche giorno immersi nella bellezza paesaggistica degli ulivi secolari del Salento per avere consapevolezza del patrimonio che gli stessi alberi rappresentano per l’intera Europa.

“Gli albergatori pugliesi invitano il presidente Francese Francoise Hollande insieme al Ministro all’Agricoltura Stephane Le Folle, a trascorrere un week end in una delle strutture alberghiere della Regione tra il verde degli ulivi secolari del Salento”, scrive il presidente Federalberghi Brindisi Pierangelo Argentieri nella lettera che ha inviato all’Eliseo e all’ambasciata francese a Roma.

 “Così – si legge ancora – le massime autorità francesi possano rendersi conto del grande patrimonio naturale e paesaggistico che gli alberi di ulivo secolari rappresentano non solo per il Salento ma per l’Italia e soprattutto per l’Europa intera” .

“Poiché, dunque, la dichiarazione del ministro all’Agricoltura Le Folle rappresenta una grave minaccia per la nostra economia e per la nostra immagine di destinazione turistica – conclude Argentieri –  gli albergatori chiedono al Presidente Hollande e al ministro all’Agricoltura Le Folle di rendersi conto di persona della situazione. A tal fine, gli albergatori invieranno anche un piccolo albero di ulivo, quale simbolo della nostra Regione”.

Potresti leggere anche...