Xylella: il Tar blocca l’abbattimento degli ulivi. Domenica grande manifestazione in Piazza Sant’Oronzo a Lecce

ulivi segnalatiLa notizia sembrerebbe lenire, almeno in modo temporaneo, la ferita al territorio provocata dalla decisione di eradicare gli alberi di ulivo presumibilmente affetti dalla Xylella fastidiosa, rinvenuti nelle campagne tra Oria e Carosino: il Tar di Lecce con decreto cautelare ha infatti sospeso il loro abbattimento a partire da lunedì.

Autore dell’istanza l’avvocato Giovanni Pesce del Foro di Brindisi, proprietario dei terreni, che ha chiesto al Tribunale amministrativo “misure cautelari monocratiche quanto alla eradicazione degli alberi di ulivo” e quindi la sospensione del Piano del commissario straordinario, Giuseppe Silletti.

Nelle campagne dello stesso avvocato la Forestale aveva segnalato con una croce rossa circa 80 alberi, consegnandoli all’inevitabile step successivo dell’eradicazione.

L’udienza sulla richiesta di sospensione avanzata da Pesce è fissata per il prossimo 9 aprile.

Intanto, in migliaia sono i cittadini che si mobilitano per non dover assistere al dolore di una Puglia che perde alberi monumentali, custodi di identità territoriale, storia e bellezza.

Tutti in piazza con gli uliviDomenica 29 marzo a Lecce si svolgerà, infatti, la manifestazione “Tutti in piazza per gli ulivi”, sostenuta da numerosi enti ed associazioni, oltre che da vari artisti di rilievo nazionale e più. Per citarne solo alcuni: Nandu Popu dei Sud Sound System che è anche uno dei promotori, Emma Marrone, Albano, Giuliano Sangiorgi, Claudia Gerini.

“Preserviamo il diritto di difendere il nostro territorio” dicono gli organizzatori dell’evento, pretendendo “chiarezza sulle diverse cause del disseccamento che sta colpendo i nostri ulivi e sulle possibili cure per affrontarlo”.

Csv Salento Lecce, Ass. Spazi Popolari, Forum Ambiente Salute, PeaceLink, LILT Lecce,  Casa delle Agricolture Tullia e Gino: questi gli Enti promotori.

L’appuntamento è per le ore 15.00 di domenica 29 marzo in Piazza Sant’Oronzo, Lecce.

Loandina Mesagne Bene ComuneNella provincia brindisina, inoltre, il 1° aprile su iniziativa di Mesagne Bene Comune, si parlerà di “Xylella: tra ingannevoli certezze e false soluzioni”. “Il pericolo è che la cura sia di gran lunga peggiore dell’infezione”, dicono gli organizzatori dell’incontro che si terrà, a partire dalle ore 18.00, nel Frantoio Ipogeo del centro storico mesagnese (via Santa Cesarea).

Potresti leggere anche...